Secondo la Cassazione (232/2018) una scissione con cui si destina il patrimonio immobiliare a una nuova impresa può integrare la sottrazione fraudolenta. Vanno anche valutate le vicende successive e può essere irrilevante che, da codice civile, la beneficiaria sia responsabile dei debiti fiscali della scissa.

Menu