L’esdebitazione deve essere concessa con soddisfo dei creditori concorsuali in riferimento alla massa e non al singolo creditore.

(Corte di Cassazione, 14 giugno 2018 n. 15586)

Secondo la sentenza n. 15586 della Corte di Cassazione del 14 Giugno 2018 considerarsi consolidato il principio che afferma che il beneficio dell’esdebitazione sia concesso con soddisfo dei creditori concorsuali anche in riferimento alla massa e non al singolo creditore.

Spetta al giudice di merito e al suo prudente apprezzamento accertare se e quando i riparti dell’attivo fallimentare realizzati integrino quella sia pur parziale soddisfazione dei creditori richiesta per il riconoscimento al fallito del beneficio dell’esdebitazione, senza che tale valutazione possa costituire oggetto di censura in sede di legittimità.

http://www.fallimentiesocieta.it/sites/default/files/Cass.%20Civ.%2015586.2018.pdf

 

Menu