Contenzioso con le banche: il giudice non può revocare l’ammissione della società al concordato preventivo. La sentenza 26646/2018.

Il giudice non può revocare l’ammissione della società al concordato preventivo per la pendenza di un contenzioso con le banche, non indicato nel piano né nella relazione, se l’esito non pregiudica i creditori. Secondo la cassazione, infatti, con la sentenza 26646/2018, in caso di vittoria, ci sarebbe stato un vantaggio per la massa dei creditori, mentre nell’eventualità di una sconfitta le spese sarebbero state affrontate dal socio attingendo ad un fondo rischi costituito ad hoc.

Menu