Aim e Mta: quali sono le principali differenze tra le due quotazioni?

Quali sono le principali differenze tra le quotazioni Aim e Mta? Prima di analizzarle si riepilogano le tipologie dei mercati.

Mta è il Mercato Telematico Azionario all’interno del quale si negoziano azioni, obbligazioni convertibili, diritti di opzione e warrant. MTA si rivolge principalmente alle imprese di media e grande capitalizzazione offrendo loro un mercato allineato ai migliori standard internazionali, in grado di supportare le esigenze di raccolta di capitali domestici e internazionali provenienti da investitori istituzionali, professionali e dal pubblico risparmio ed in grado di garantire un’elevata liquidità dei titoli.

L’AIM Italia è il Mercato alternativo del capitale e possono essere negoziate solo azioni ordinarie, che non siano: soggette alla sollecitazione all’investimento, allo scambio in altri sistemi di scambi organizzati SSO ed allo scambio in altri mercati regolamentati. Le società devono avere l’ultimo bilancio revisionato da società iscritta alla Consob. Per l’ammissione occorre che venga effettuato un processo di collocamento presso investitori professionali, a meno che da almeno 12 mesi partecipi al capitale un investitore istituzionale o almeno 20 investitori professionali.

La quotazione all’Aim prevede un flottante minimo del 10% rispetto al 25% sull’ Mta (listino principale di piazza affari). Inoltre si richiede che ci sia almeno un bilancio certificato mentre per l’ Mta ne servono almeno tre; l’ Aim non richiede che prima dell’Ipo sia approvato un piano industriale e non prevede un livello di capitalizzazione minimo come nel caso sempre dell’ Mta (pari a 40 milioni. Queste sono le principali differenza tra i due mercati.

Menu